Questo sito utilizza cookies tecnici (necessari) e analitici.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Disposizioni del Governo in relazione al transito di cittadini stranieri sul territorio della Repubblica di Macedonia del Nord

– Il Governo macedone ha recentemente approvato il Protocollo di transito attraverso il territorio della Repubblica di Macedonia del Nord secondo cui, a partire dal 15 giugno 2020, i cittadini stranieri possono attraversare il territorio macedone per raggiungere Paesi terzi a condizione che il transito avvenga nell’arco di cinque (5) ore, senza soste prolungate e deviazioni dal percorso principale.

In seguito ad un emendamento del Protocollo di transito, dal 17 giugno 2020 tutti i valichi di frontiera sono aperti per il transito di cittadini stranieri.

Al momento dell’ingresso nel territorio macedone i cittadini stranieri in transito dovranno compilare una dichiarazione certificata dalle autorità di frontiera, da riconsegnare in seguito alle autorità di frontiera all’uscita dal Paese.

I cittadini in transito dovranno sempre attenersi al rispetto delle raccomandazioni e i dei protocolli del Ministero della Sanità finalizzati alla prevenzione dell’introduzione e della diffusione del Covid-19 e di tutte le misure che ne derivano.

La mancata consegna della dichiarazione (oppure il suo smarrimento) potrebbe implicare l’obbligo della quarantena obbligatoria presso una struttura designata.

Con l’entrata in vigore di questo Protocollo, cessa l’obbligo dei cittadini stranieri di annunciare il proprio transito attraverso il territorio macedone tramite le proprie Rappresentanze diplomatico-consolari, come da precedente regolamento.

Il testo integrale del protocollo in lingua inglese è disponibile al seguente link

Il modulo per la dichiarazione in macedone e in inglese 

– Si ricorda che, dal 22 maggio, ogni persona (sia cittadini macedoni che stranieri) che fa ingresso nel territorio della Repubblica di Macedonia del Nord (dunque per un periodo superiore alle 5 ore) ha l’obbligo di presentare il test PCR negativo per COVID-19 (test fatto non oltre le 72 ore dall’ingresso) per poi essere sottoposta alla misura della quarantena obbligatoria (di 14 giorni) presso il proprio domicilio. In caso di mancata presentazione del test la persona sarà inviata in quarantena presso una struttura individuata dalle Autorità e sarà sottoposta al test.