Questo sito utilizza cookies tecnici (necessari) e analitici.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Misure economiche decise dal Governo macedone per contrastare le conseguenze del COVID-19

Lo scorso 31 marzo il Governo macedone ha varato il secondo set di misure economiche per contrastare le conseguenze sull’economia provocate dalla crisi pandemica Covid-19. In particolare, le misure includono:

1) sostegno finanziario alle imprese private, per pagamento degli stipendi per i mesi aprile e maggio 2020, nell’importo massimo di 14.500 mkd, per mantenere i posti di lavoro. Questa misura è applicabile solo per gli impiegati che nei mesi precedenti hanno ricevuto uno stipendio netto inferiore a 39.900 mkd. In alternativa la sovvenzione al 50% dei contributi previdenziali per gli impiegati. Le imprese che finiranno il 2020 con perdite non saranno obbligate a restituire questi fondi.
2) Sostegno finanziario nella forma di stipendio minimo pagato (14.500 mkd) dallo Stato per gli atleti e per gli artisti.
3) I lavoratori che perderanno i propri posti di lavoro a causa della crisi riceveranno, dallo Stato, un sussidio pari al 50% dello stipendio medio.
4) Assistenza sociale di 7000 mkd per famiglia per i disoccupati e per coloro che rientrano nella cd. economia sommersa.
5) Tutti i funzionari dello Stato (a partire dal Capo dello Stato, Presidente dell’Assemblea, Primo Ministro, Ministri di Governo, Vice Ministri e Segretari di Stato, Direttori, Sindaci, ecc.) durante la crisi riceveranno lo stipendio minimo.
6) Moratoria dei crediti bancari. Alle banche è richiesto di riprogrammare i debiti, prolungare la scadenza delle rate mensili, ridurre il tasso d’interesse, ecc. I nuovi crediti alle imprese saranno erogati con un periodo di grazia di 3 mesi, mentre le penali per i pagamenti ritardati saranno ridotti da 51% al 31%.
7) 13.7 milioni di euro per crediti a interesse 0% destinati alle piccole e medie imprese, per importi tra 3.000 e 90.000 euro, con un periodo di rimborso di 3 anni compreso 1 anno di periodo di grazia.
8) 50 milioni di euro di crediti a tasso agevolato e sovvenzionato dalla Banca Europea per gli Investimenti che saranno erogati tramite la Banca Macedone per lo Sviluppo.
9) Durante la crisi, fino ai 6 mesi successivi, sono vietate le procedure di fallimento.
10) Utilizzo delle ferie pregresse dell’anno precedente entro il 31 maggio 2020.