Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

UE e prospettive europee per Macedonia del Nord e Albania: Ministro degli Esteri Moavero Milanesi, a favore rapido avviamento negoziati adesione per Paesi candidati. Allungare troppo l’”anticamera” è poco comprensibile

Data:

19/06/2019


UE e prospettive europee per Macedonia del Nord e Albania: Ministro degli Esteri Moavero Milanesi, a favore rapido avviamento negoziati adesione per Paesi candidati. Allungare troppo l’”anticamera” è poco comprensibile

L'Italia è a favore dell’avviamento dei negoziati d’adesione all’Unione Europea per i Paesi che hanno avanzato la propria candidatura: perplessità sull’allungamento delle anticamere.

Lo ha dichiarato il Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione internazionale italiano, Enzo Moavero Milanesi, all’uscita del Consiglio Affari Generali a Lussemburgo lo scorso 18 giugno.

"Credo che quando si parla di allargamento sia necessario sapere esattamente di cosa parliamo: per alcuni Paesi si tratta di progresso nel quadro dei negoziati, ed è fisiologico che questi possano andare più o meno veloci, e con più o meno soddisfazioni da parte sia degli Stati membri che della Commissione Europea. Per quanto riguarda la situazione inerente ad Albania e Macedonia del Nord, stiamo parlando dell’avviamento di negoziati: un percorso che si potrà rivelare più o meno lungo a seconda dei risultati che si riscontreranno", ha detto ai media il Ministro.

“Noi pensiamo che iniziare i negoziati sia la fisiologia in cui si può entrare con Paesi che desiderano essere candidati. Crediamo che non ci sia bisogno di allungare troppo le anticamere precedenti l’avviamenti di negoziati di adesione: detto ciò, è naturalmente necessario essere estremamente severi, rigorosi e fermi sui punti base che compongono le consultazioni per l’entrata all’interno dell’UE, in maniera da arrivare ad essere in possesso di tutti i requisiti necessari, soprattutto in termini di riforme, per diventare un Paese membro dell’Unione Europea”, ha aggiunto il capo della diplomazia italiana, sottolineando che, per ora, “è stato deciso che la questione verrà ripresa nel mese di ottobre”.

Principali risultati del Consiglio Affari Generali (Lussemburgo, 18 giugno 2019)

https://www.consilium.europa.eu/it/meetings/gac/2019/06/18/

Conclusioni del Consiglio su “Allargamento e processo di stabilizzazione e di associazione”

https://www.consilium.europa.eu/it/press/press-releases/2019/06/18/council-conclusions-on-enlargement-and-stabilisation-and-association-process/


357