Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Visita a Skopje del Segretario Generale dell'Iniziativa Centro-Europea (InCE), Roberto Antonione

Data:

13/02/2019


Visita a Skopje del Segretario Generale dell'Iniziativa Centro-Europea (InCE), Roberto Antonione

Si è svolta a Skopje, tra il 4 e il 5 febbraio, la visita del neoeletto Segretario Generale dell'Iniziativa Centro-Europea (InCE) Roberto Antonione, che ha compiuto un giro di presentazione presso tutte le capitali della constituency dell'Iniziativa. Molto intenso il programma di incontri in Macedonia, a partire da quelli con il Primo Ministro Zaev e con il Presidente del Parlamento Talat Xhaferi, con i Ministri della Cultura, dell'Educazione e dei Trasporti, con il Vice Ministro degli Esteri (essendo il Ministro Dimitrov assente per un viaggio di lavoro negli USA), nonché' i parlamentari membri della Delegazione parlamentare InCE. Ad accompagnare il Sen. Antonione la Deputy Secretary General Nina Kodelja, le Senior Executive Officer Lidija Arsova e Paola Plancher e la Project Manager del Fondo InCE-BERS Elisabetta Dovier. L’Ambasciata, in considerazione del ruolo dell'Italia quale Presidente di turno dell'Iniziativa, ha accompagnato la visita sia nella fase organizzativa, sia durante gli incontri.

La visita si è aperta con un ricevimento offerto in Residenza dall’Ambasciatore Romeo alla Delegazione InCE, al quale hanno partecipato il Vice Ministro degli Esteri, Andrej Zhernovski, i referenti del MAE locale per l'Iniziativa Centro Europea e i Capi Missione qui accreditati dei Paesi membri dell'InCE.

Tra i temi trattati durante gli incontri con i Ministri il miglioramento del sistema educativo macedone come una delle strade da percorrere nel percorso di convergenza verso l'Europa anche attraverso attività promosse dall’InCE riguardanti l'educazione, la scuola e la scienza, tra cui lo scambio di esperienze e il networking tra ricercatori e visite al Polo scientifico di Trieste in vista dell'importante evento "Euroscience open forum" che si terrà proprio a Trieste nel 2020.

L’offerta di collaborazione è stata ribadita dal Segretario Generale Antonione anche nell'incontro con il Ministro dei Trasporti Goran Sugareski a proposito del tema della connettività, in particolare lungo i Corridoi Transeuropei 8 e 10. Forte interesse è stato espresso dai collaboratori del Ministro Sugareski per una intensificazione della partecipazione della Macedonia alle opportunità offerte dal Fondo InCE-BERS, in particolare per progetti di assistenza tecnica e di capacity building.

Il Presidente dell’Assemblea, Talat Xhaferi, si è concentrato soprattutto sull'auspicio che il Consiglio UE di giugno prossimo decida di aprire i negoziati di adesione con la Macedonia, riconoscendone la svolta impressa dall'attuale Governo alla politica nazionale e gli enormi sforzi compiuti nel campo delle riforme. Il SG Antonione ha riconosciuto che la coraggiosa politica tesa alla risoluzione delle dispute bilaterali introdotta dal Governo Zaev può essere di esempio per gli altri Paesi dei Balcani.

Molto amichevole l'incontro con il Premier Zoran Zaev, che ha offerto ampia collaborazione all'organizzazione ("vogliamo utilizzare l'InCE come strumento per migliorare i rapporti nella regione e nel far ciò noi possiamo essere di esempio") soprattutto durante la Presidenza italiana perché è cruciale accrescere la cooperazione in tutti i settori come infrastrutture, connettività, agenda digitale, istruzione - grazie alle iniziative regionali. Questa è stata un'ulteriore occasione per Zaev per enfatizzare il "grande apprezzamento" per l'Italia ("che ci sostiene sempre e verso cui sentiamo sincera amicizia") e il suo tradizionale ruolo nella regione e nell'UE.

Da parte sua, Antonione ha ribadito l'invito ad "utilizzare" l'InCE ("siamo pronti ad aiutare con progetti concreti").

La missione si è infine conclusa con l'incontro e la colazione di lavoro tra la Delegazione InCE e il Vice Ministro per gli Affari Esteri Andrej Zhernovski, durante il quale i temi sono stati ricondotti a un livello maggiormente tecnico-operativo, sulle opportunità che l'InCE può offrire alla Macedonia sulla strada delle riforme. A tal riguardo e nella prospettiva di giugno, Zhernovski ha riconosciuto l'importanza del criterio basato sul "merito" e particolare interesse è stato da egli manifestato sulle attività di "capacity building" e sull'assistenza tecnica in progetti concreti, attraverso cui fare fronte ai limiti ancora presenti nella macchina amministrativa macedone, in termini sia di procedure, sia di capitale umano.

https://www.facebook.com/ItalyinMKD/photos/pcb.1897794910342783/1897794107009530/?type=3&__tn__=HH-R&eid=ARDQakEa84kSS034FeGXxtEfxf7uLd4nRT1f64ESXyz9d6vByJF65sYgxhLXWRfcTutkwOFBrvS8d0M-&__xts__%5B0%5D=68.ARDkAHZ4tjTQD33TZauoUAYc2d3fAsBtFm8N_l737F_qkdQ7l44fKTxtmsSpzEAkLVlWJOTToulszR3M-EJA3O-8ApNxk3OasaeMMRbsm_PrFh1F9sq3t7kejKWJAKiOkY21O3tJK_4AMUuj0ODr-0aP6P84nkc_4pHXskJbiohbw3LQibMJ8RIuYhyLhwPsL14MkEe8-3v5AEwvOBUz_ozo8ieQeolVjvH99w9UfjmKhLOBYxcTOiUPVpBVPtv181zvSmEz1cSyQq8iKbkN_0AGmm4zgFWpk6MOGCD-aMP9LdRCqtKcg_NvdAyFlvGd1cQPjgMt5KtNujn1-q1H4qyY4g

 


326